Accordo Stato Regioni sulla formazione di lavoratori, preposti e dirigenti

Accordo Stato Regioni sulla formazione di lavoratori, preposti e dirigenti

Accordo Stato Regioni del 21/12/2011 sulla formazione di lavoratori, preposti e dirigenti di cui art. 37 D.Lgs 81/08. Repertorio Atti n. 221, pubblicato sulla G.U. n. 8, 11 gennaio 2012.
II presente Accordo disciplina, la durata, i contenuti minimi e le modalità della formazione, nonché dell’aggiornamento, dei lavoratori e delle lavoratrici, dei preposti e dei dirigenti, nonché la formazione facoltativa dei soggetti di cui all’articolo 21, comma 1, del medesimo D.Lgs. n. 81/08.
Per i lavoratori il percorso formativo si articola in due moduli distinti, uno di formazione generale ed un’altro di formazione specifica.
Il modulo di formazione generale ha una durata di 4 ore per tutti i settori e comprende concetti di rischio, danno, prevenzione, protezione, organizzazione della prevenzione aziendale, diritti, doveri e sanzioni per i vari soggetti aziendali,organi di vigilanza, controllo e assistenza.
Il secondo modulo di formazione specifica può avere una durata di 4, 8 o 12 ore a seconda che ci si trovi di fronte ad un rischio basso, medio o alto.
I lavoratori di aziende a prescindere dal settore di appartenenza, che non svolgano mansioni che comportino la loro presenza, anche saltuaria, nei reparti produttivi, possono frequentare i corsi individuati per il rischio basso.
Per il comparto delle costruzioni, la formazione effettuata nell’ambito del progetto strutturale “16ore-MICS”, delineato da FORMEDIL, è riconosciuta integralmente corrispondente alla Formazione Generale di cui al presente accordo.
Per quanto riguarda il preposto, la sua formazione deve comprendere quella per i lavoratori di 4 ore e deve essere integrata da una formazione particolare, in relazione ai compiti da lui esercitati in materia di salute e sicurezza sul lavoro; la durata minima del modulo per preposti è di 8 ore.
La formazione dei dirigenti, sostituisce integralmente quella prevista per i lavoratori ed è strutturata in quattro moduli: un modulo giuridico normativo, un modulo circa la gestione ed organizzazione della sicurezza, un modulo di individuazione e valutazione dei rischi ed un modulo sulla comunicazione formazione e consultazione dei lavoratori. La durata minima della formazione per i dirigenti è di 16 ore.
Tenuto conto della peculiarità delle funzioni e della regolamentazione legale vigente, la formazione dei dirigenti può essere programmata e deve essere completata nell’arco temporale di 12 mesi anche secondo modalità definite da accordi aziendali, adottati previa consultazione del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza. Condizione necessaria per il rilascio degli attestati ai lavoratori è la partecipazione al 90% del corso, mentre per preposti e dirigenti, oltre a questa frequenza obbligatoria è richiesto anche un test finale.
Il modulo di formazione generale, rivolto ai lavoratori costituisce credito formativo permanente. Qualora il lavoratore vada a costituire un nuovo rapporto di lavoro o di somministrazione con un’azienda dello stesso settore produttivo cui apparteneva quella d’origine o precedente, costituisce credito formativo sia la frequenza alla Formazione Generale, che alla Formazione Specifica di settore; nel caso di un nuovo rapporto di lavoro o di somministrazione con un’azienda di diverso settore produttivo rispetto a quello cui apparteneva l’azienda d’origine o precedente, costituisce credito formativo la frequenza alla Formazione Generale, ma la Formazione Specifica relativa al nuovo settore deve essere ripetuto.
Nel caso in cui il lavoratore, all’interno di una stessa azienda multiservizi, vada a svolgere mansioni riconducibili ad un settore a rischio maggiore, secondo quanto indicato in Allegato II, costituisce credito formativo sia la frequenza alla Formazione Generale, che alla Formazione Specifica di settore già effettuata; tale Formazione Specifica dovrà essere completata con un modulo integrativo, sia nella durata che nei contenuti, attinente ai rischi delle nuove mansioni svolte.
Il datore di lavoro è comunque tenuto a valutare la formazione pregressa ed eventualmente ad integrarla sulla base del proprio documento di valutazione dei rischi e in funzione della mansione che verrà ricoperta dal lavoratore assunto.
In ogni caso i crediti formativi per la formazione specifica hanno validità fintanto che non intervengono cambiamenti. Sia per i lavoratori che per preposti e dirigenti lavoratori, è previsto un aggiornamento quinquennale, di durata minima di 6 ore.
Al fine di consentire la piena ed effettiva attuazione degli obblighi di cui al presente accordo, i datori di lavoro sono tenuti ad avviare i dirigenti e i preposti ai corsi di formazione in modo che i medesimi corsi vengano conclusi entro e non oltre il termine di 18 mesi dalla pubblicazione del presente accordo.
Il personale di nuova assunzione deve essere avviato ai rispettivi corsi di formazione anteriormente o, se ciò non risulta possibile, contestualmente all’assunzione. In tale ultima ipotesi, ove non risulti possibile completare il corso di formazione prima della adibizione del dirigente, del preposto o del lavoratore alle proprie attività, il relativo percorso formativo deve essere completato entro e non oltre 60 giorni dalla assunzione.
In fase di prima applicazione, non sono tenuti a frequentare i corsi di formazione i lavoratori, i dirigenti e i preposti che abbiano frequentato — entro e non oltre dodici mesi dalla entrata in vigore del presente accordo — corsi di formazione formalmente e documentalmente approvati alla data di entrata in vigore del presente accordo.
L’obbligo di aggiornamento per lavoratori e preposti, per i quali la formazione sia stata erogata da più dí 5 anni dalla data di pubblicazione del presente accordo, dovrà essere ottemperato entro 12 mesi.
Non sono tenuti a frequentare il corso di formazione i dirigenti che dimostrino di aver svolto, alla data di pubblicazione del presente accordo, una formazione con contenuti conformi all’articolo 3 del D.M. 16/01/1997 effettuata dopo il 14 agosto 2003 o a quelli del Modulo A per ASPP e RSPP previsto nell’ Stato Regioni del 26 gennaio 2006, pubblicato su G.U. n. 37 del 14 febbraio 2006.

 

Condividi suShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Tweet about this on Twitter

0 Comments


E tu cosa ne pensi?

La tua email non sarà pubblicata

Lascia una risposta

© 2017 SQ Più S.r.l. - Tutti i diritti riservati - Partita IVA 03977450968 - Accreditamento per la formazione - Regione Lombardia n. 830 - Cookie Policy