Estintori fuori uso? Ecco le disposizioni della UNI 9994.1

Estintori fuori uso? Ecco le disposizioni della UNI 9994.1-0

Estintori fuori uso? Ecco le disposizioni della UNI 9994.1

21 ottobre 2013 0 Comments

Fra i contenuti di maggiore novità della nuova UNI sugli estintori, entrata in vigore lo scorso giugno, vi è l’obbligo della messa fuori uso di quei dispositivi antincendio che il manutentore aziendale deve adottare perché: 

  • sono di tipo non approvato; esclusione per gli estintori di classe D;
  • presentano segni di corrosione;
  • presentano ammaccature sul serbatoio;
  • sono sprovvisti delle marcature previste dalla legislazione vigente:
  • le proprie parti di ricambio e gli agenti estinguenti non sono più disponibili;
  • presentano marcature e iscrizioni illeggibili e non sostituibili;
  • devono essere ritirati dal mercato in conformità a disposizioni vigenti;
  • non sono dotati di libretto d’uso e manutenzione rilasciato dal produttore;
  • hanno superato 18 anni di vita.

Per concludere la carrellata sulla UNI 9994.1/20013, va detto dell’obbligo:

  1. di apporre internamente ed esternamente all’estintore:
    • la data di revisione;
    • i riferimenti dell’azienda incaricata del controllo;
  2. di sostituire le valvole in fase di collaudo per gli estintori a polvere e in fase di revisione per gli estintori a CO2;
  3. di aggiornare la documentazione di manutenzione.

E per ultimo, a proposito di quanto previsto dal punto 8 della recente UNI, “tutti gli estintori in esercizio devono essere dotati di cartellino di manutenzione”.
Se il “controllo iniziale”(si vedano gli articoli precedenti della serie) viene effettuato per la prima volta, il cartellino del precedente manutentore deve essere rimosso e sostituito.
Le caratteristiche del cartellino:

  1. Il cartellino deve essere strutturato in modo da poterlo utilizzare per più inteventi e per più anni.
  2. Il cartellino deve contenere:
  •  il numero di matricola o altri estremi di identificazione dell’estintore;
  • il tipo dell’estintore;
  • la massa lorda dell’estintore;
  • la carica effettiva;
  • il tipo di fase effettuata;
  • la data dell’intervento;
  • la scadenza del prossimo controllo (se previsto da specifiche normative);
  • da incaricata della manutenzione e della persona competente.

La persona responsabile deve predisporre e tenere aggiornato un registro, firmato.

Fonte: Quotidiano Sicurezza

Condividi suShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Tweet about this on Twitter

0 Comments


E tu cosa ne pensi?

La tua email non sarà pubblicata

Lascia una risposta

© 2017 SQ Più S.r.l. - Tutti i diritti riservati - Partita IVA 03977450968 - Accreditamento per la formazione - Regione Lombardia n. 830 - Cookie Policy