Manuale Inail: Riduzione rumore negli ambienti di lavoro, metodologie ed interventi

Manuale Inail: Riduzione rumore negli ambienti di lavoro, metodologie ed interventi-0

Manuale Inail: Riduzione rumore negli ambienti di lavoro, metodologie ed interventi

3 giugno 2013 , 0 Comments

Pubblicato dall’Inail il manuale Metodologie e interventi tecnici per la riduzione del rumore negli ambienti di lavoro 

Il manuale, curato da Inail settore Ricerca dipartimento Igiene del lavoro è apparso in questi giorni nella sezione Novità editoriali del portale dell’Istituto. Approvato dalla Commissione consultiva permanente per la salute e sicurezza sul lavoro, raccoglie indicazioni normative e pratiche riguardanti la prevenzione dal rumore sul lavoro. Un aggiornamento operativo dello stato dell’arte, che si rivolge a Rspp, costruttori, progettisti e organi di vigilanza.

“Il Manuale operativo Metodologie e interventi tecnici per la riduzione del rumore negli ambienti di lavoro qui presentato, si pone in naturale continuità con le Linee Guida per la valutazione del rischio rumore negli ambienti di lavoro pubblicate nel 2000, fornendo lo stato dell’arte sugli aspetti tecnici della prevenzione dei rischi da esposizione a rumore, con particolare attenzione al tema della bonifica, e a due temi ad essa direttamente correlati e spesso trascurati: la progettazione acustica ex novo degli insediamenti produttivi e i collaudi acustici degli interventi di bonifica.

Il Manuale si propone di mettere a disposizione della comunità nazionale informazioni, metodologie e interventi realizzati sul campo, normalmente reperibili solo in unristretto ambito di addetti ai lavori e di esperti di acustica, utili per garantire il pieno controllo del rischio rumore in tutti i principali comparti produttivi”.

Il testo richiama lo schema di riferimento approvato dalle Regioni e dalla Province autonome il 16 dicembre 2004 (schema già proposto da ex Ispesl e Coordinamento Tecnico Interregionale della Prevenzione nei Luoghi di Lavoro).

Due le parti sostanziali nelle quali si articola l’opera: una prima teorica completata da glossario, una seconda composta da trenta schede, approfondimenti tecnici e gestionali. Schede che fanno e faranno parte di un elenco in evoluzione, che si aggiornerà nel tempo col progredire e il mutare della normativa di riferimento. Questi alcuni dei trenta punti interessati dagli approfondimenti tecnici: “Propagazione del rumore in ambienti chiusi: aspetti fisici; Propagazione del rumore in ambienti industriali: modellizzazione; Isolamento acustico: aspetti fisici; Isolamento al calpestio e basamenti galleggianti; Comprensione del messaggio verbale e dei segnali di pericolo; Capitolato di acquisto di una macchina; Criteri per la scelta del personale qualificato in acustica; Urti e impatti: emissione sonora e criteri di bonifica; Microurti: emissione sonora e criteri di bonifica; Attrito e inerzia”.

Fonte: Quotidiano Sicurezza

Condividi suShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Tweet about this on Twitter

0 Comments


E tu cosa ne pensi?

La tua email non sarà pubblicata

Lascia una risposta

© 2017 SQ Più S.r.l. - Tutti i diritti riservati - Partita IVA 03977450968 - Accreditamento per la formazione - Regione Lombardia n. 830 - Cookie Policy