Mense scolastiche: i Nas ne chiudono 37

Mense scolastiche: i Nas ne chiudono 37-0

Mense scolastiche: i Nas ne chiudono 37

Tranne una tutte al Centro-Sud, poca igiene e alimenti nocivi

Alimenti nocivi o conservati male, ma anche mancanza di igiene: sono 37 le mense scolastiche chiuse in seguito a controlli effettuati dai Carabinieri dei Nas nell’anno scolastico 2015-2016. E, tranne una, tutte nelle regioni del Centro-Sud Italia. E’ quanto emerge dal Rapporto sui Controlli delle Mense Scolastiche presentato oggi al Ministero della Salute. Una su 4 delle mense scolastiche controllate dai Nas presenta irregolarità. In particolare nell’anno scolastico 215-16 sono state 2.678 le ispezioni effettuate (in continua crescita rispetto agli anni passati) e nel 25% dei casi presentavano una qualche irregolarità: da aspetti amministrativi o legati al tipo di fornitura fino ai casi più gravi di carenze d’igiene e cibi scaduti o ammuffiti.

«Nelle mense scolastiche abbiamo dato vita ad una task force e abbiamo fatto un lavoro a tappeto sul territorio nazionale, effettuando quasi 2.700 controlli e trovando un 25% di non conformità. Il mio obiettivo come ministro della Salute, grazie al lavoro straordinario dei Nas, è quello di andare a controllare e verificare che il cibo dato ai nostri bambini nelle scuole sia sano, non contraffatto e dato in condizioni igienico-sanitarie come previsto dalla legge». Lo ha detto il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, intervenendo oggi a Roma alla conferenza stampa di presentazione dei controlli dei Carabinieri Nas effettuati nelle mense scolastiche dal 2015-2016.
«Nelle strutture abbiamo riscontrato anomalie di ogni tipo – ha proseguito -. Il caso più frequente riguarda il rispetto dei bandi di gara: chi vince l’appalto bara sui cibi promessi. Un esempio? E’ previsto l’olio extra-vergine di oliva mentre viene usato un olio di altro tipo. Allo stesso modo vengono previste qualità diverse di pesce e spesso si parla di cibi freschi con filiera corta e, invece, si scopre che il cibo è surgelato, comprato nei discount e non è biologico ma di seconda classe. E questi sono fattori estremamente importanti che incidono nella dieta e nell’alimentazione di un bambino per la sua crescita sana».
Lorenzin, poi, ha ricordato la battaglia sull’obesità insistendo sull’importanza della prevenzione delle malattie croniche trasmissibili «che deve cominciare a tavola da quando si è piccoli. I bambini oggi passano la maggior parte del tempo a scuola e allora è molto importante verificare come mangiano». La ministra, in ogni caso, ha voluto tranquillizzare i genitori. «C’è intenzione da parte dei Nas – ha sottolineato – di fare un’operazione nazionale a tappeto come quella fatta grazie ad una task force sugli anziani e sui disabili. Saranno operazioni fatte a campione, che naturalmente non annunciamo, il cui resoconto sarà dato semestralmente o annualmente, anche per aumentare la sensibilità dei genitori e degli insegnanti che possono loro stessi segnalare situazioni difformi rispetto a quello che dovrebbe essere una normale attività di mensa».

Fonte: ANSA

Condividi suShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Tweet about this on Twitter

0 Comments


E tu cosa ne pensi?

La tua email non sarà pubblicata

Lascia una risposta

© 2017 SQ Più S.r.l. - Tutti i diritti riservati - Partita IVA 03977450968 - Accreditamento per la formazione - Regione Lombardia n. 830 - Cookie Policy