Rischio campi elettromagnetici: Etui pubblica una guida per la valutazione

Rischio campi elettromagnetici: Etui pubblica una guida per la valutazione-0

Rischio campi elettromagnetici: Etui pubblica una guida per la valutazione

Electromagnetic fields in working life. A guide to risk assessment. Pubblicato da Etui un lungo documento, in inglese, che affronta il tema dei campielettromagnetici sul lavoro, una guida per la valutazione del rischio, destinata alla consultazione di aziende, rappresentanti sindacali e lavoratori.

Valutazione e determinazione delle esposizioni, frequenze basse e intermedie, frequenze radio, campi statici. Il documento si propone come un aiuto per la comprensione del rischio e per l’attuazione nei luoghi di lavoro di quanto previsto dalla Direttiva quadro 89/391 /CEE e dalla direttiva 2013/35 Ue che entrerà in vigore nel 2016.

“Tutti siamo costantemente esposti ai campi elettromagnetici ambientali, come ad esempio il campo magnetico statico terrestre. Tuttavia esistono altri campi elettrici e magnetici generati artificialmente, che possono incidere sulla salute delle persone ed essere causa di preoccupazione, in particolare negli ambienti di lavoro. Tra i molti dispositivi o attività che possono generare campi elettromagnetici si possono citare quelli per la saldatura, i dispositivi medici, le telecomunicazioni, le antenne, i sistemi radar”. Le conseguenze dell’esposizione a tali campi, variano a seconda dell’intensità, della vicinanza alle fonti e delle caratteristiche intrinseche del campo magnetico”.

La guida analizza quindi le fasi dell’esposizione professionale, i rischi e la valutazione, concentrandosi in alcune parti sui lavoratori passibili di rischi determinati, come donne incinte e persone che indossano dispositivi medici, presentando infine raccomandazioni su come ridurre l’alta esposizione.

Questo l’indice:

  • Perché porre l’attenzione sui campi elettromagnetici;
  • Quali sono i campi;
  • Cosa rende le varie forme di campi elettromagnetici diversi;
  • Qual è la differenza tra i campi elettromagnetici non ionizzanti e le radiazioni ionizzanti;
  • Esposizione professionale;
  • Cosa prevedono i regolamenti UE;
  • La direttiva UE;
  • Approcci precauzionali;
  • Lavoratori particolarmente a rischio/con esigenze speciali;
  • Impianti medici che possono essere influenzati da campi elettromagnetici;
  • Ipersensibilità elettromagnetica;
  • Informazioni e formazione dei lavoratori;
  • La valutazione del rischio.

Info: guida Etui valutazione rischio campi elettromagnetici

Fonte: QuatidianoSicurezza

Condividi suShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Tweet about this on Twitter

0 Comments


E tu cosa ne pensi?

La tua email non sarà pubblicata

Lascia una risposta

© 2017 SQ Più S.r.l. - Tutti i diritti riservati - Partita IVA 03977450968 - Accreditamento per la formazione - Regione Lombardia n. 830 - Cookie Policy