Stress da lavoro correlato: anche la Svizzera ne soffre.. e tanto!

Stress da lavoro correlato: anche la Svizzera ne soffre.. e tanto!-0

Stress da lavoro correlato: anche la Svizzera ne soffre.. e tanto!

3 novembre 2014 0 Comments

Su 4,9 milioni di lavoratori in Svizzera, più di un milione soffre di eccessivo stress sul posto di lavoro. Questo stacanovismo costa 5,6 miliardi all’anno

Due milioni si dicono esauriti. E tutto ciò grava sull’economia svizzera per ben 5,6 miliardi all’anno.

Sono preoccupanti i dati che emergono dal primo “Job Stress Index 2014“, indagine condotta in collaborazione con l’Università di Berna e l’Università di scienze applicate di Zurigo, commissionato da Promozione Salute Svizzera. Questi indicatori saranno raccolti ogni anno, per seguire l’evoluzione dello stress nel nostro Paese.

Lo studio si basa su un sondaggio condotto online nel mese di febbraio su un campione di 3484 persone attive in Svizzera e di diverse fasce di età, provenienza e ramo lavorativo. La pressione, il superlavoro e i problemi con i superiori e i colleghi sono considerati come dei fattori di stress.

La stima dei superiori – Al contrario, l’apprezzamento e il sostegno dei superiori, o ancora il margine di manovra offerto, sono tutti fattori che “proteggono” il lavoratore. Il sondaggio mostra che la maggior parte dei dipendenti sono in grado di gestire bene lo stress nel loro lavoro quotidiano. Nel 24,8% dei casi, però, il Job Stress Index rileva uno squilibrio. Quanto al grado di esaurimento, il 24,0% si dichiara “tra abbastanza e moltissimo spossato”, mentre il 16,1% afferma di soffrirne in forma lieve.

I romandi sentono più stress sul lavoro rispetto agli svizzero-tedeschi. I giovani soffrono più dei 40enni. Tuttavia, l’inchiesta non ha mostrato alcuna differenza tra donne e uomini.

I dipendenti a tempo pieno, inoltre, sono più tesi di coloro che lavorano a tempo parziale, di nuovo con nessuna differenza tra uomini e donne. Sul part-time, tuttavia, l’uomo mostra un livello di stress leggermente superiore rispetto alle donne. Nessuna correlazione è stata trovata tra questo problema e il livello di formazione o il ramo di appartenenza.

Leader meno stressati – Lo studio rivela che lo stress è collegato piuttosto al livello gerarchico. I leader si dicono meno stressati dei loro dipendenti. Hanno infatti più risorse e margini di manovra per decidere in autonomia il loro lavoro.

La relazione esamina anche il senso di “burnout“, descritto come “un senso di superlavoro, con perdita di energia e un senso di generale esaurimento”.

Degli intervistati, il 40% dichiara di soffrire di stanchezza, un quarto si dice molto esaurito. Ovviamente questo problema colpisce più chi lavora a tempo pieno.

Stress e burnout correlati – L’indice dello stress sul posto di lavoro è fortemente correlato al burnout. In effetti, la sensazione di essere stressato può aumentare ulteriormente con il superlavoro, mentre un affaticamento significativo può aumentare la sensazione di essere stressati.

Coloro che lamentano stress o stanchezza soffrono anche di problemi psicosomatici, del sonno, sono irritati e generalmente meno in salute.

Le persone che hanno un indice di stress sfavorevole, vale a dire che lavorano con più stress che risorse, sono malati per il 4,3% del loro tempo lavorativo. Essi continueranno a lavorare, ma la produttività sarà ridotta del 15%. Coloro che hanno un indice di parità tra lo stress e le risorse si ammalano il 3,3% del loro tempo lavorativo e sono il 10% meno produttivi.

Costosi per le aziende – La mancata produzione causata dalle assenze per malattia, riduzione della produttività, riduzione dell’orario di lavoro ed altri fatti non fa bene alle aziende ed ha un costo stimato attorno ai 5,6 miliardi di franchi l’anno. Tre quarti di questo importo è dovuto proprio alla perdita di produttività.

“Se le aziende investissero di più per la salute dei propri dipendenti e si attivasse per un maggior equilibrio tra risorse e incarichi potrebbero persino guadagnarci”, spiegano gli autori del sondaggio.

Fonte: Ticinonline

Condividi suShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Tweet about this on Twitter

0 Comments


E tu cosa ne pensi?

La tua email non sarà pubblicata

Lascia una risposta

© 2017 SQ Più S.r.l. - Tutti i diritti riservati - Partita IVA 03977450968 - Accreditamento per la formazione - Regione Lombardia n. 830 - Cookie Policy