Tre morti e 70 contaminati in Svezia, per Norovirus in lamponi surgelati

Tre morti e 70 contaminati in Svezia, per Norovirus in lamponi surgelati-0

Tre morti e 70 contaminati in Svezia, per Norovirus in lamponi surgelati

L’Agenzia per la sicurezza alimentare raccomanda di bollire i frutti surgelati prima dell’uso.

lamponi frutta iStock_000020168388_Small norovirus
L’Agenzia svedese per la sicurezza alimentare
consiglia di bollire i lamponi  per un minuto

Il norovirus contenuto in lamponi surgelati d’importazione, utilizzati in un dolce della domenica, ha causato tre morti e oltre settanta ammalati tra gli ospiti di una casa di riposo per anziani in Svezia. L’Agenzia svedese per la sicurezza alimentare afferma che probabilmente la contaminazione è stata causata da un dipendente infetto dell’azienda di confezionamento.

L’Agenzia raccomanda di bollire i lamponi surgelati per un minuto, prima di consumarli, al fine di uccidere il norovirus, cosa che nella casa di riposo svedese non è stata fatta, nonostante le indicazioni sulla confezione e le linee guida di sicurezza comunali lo prevedessero. Il norovirus può avere un impatto particolarmente pericoloso sulle persone anziane e su quelle ricoverate in ospedale, che hanno un sistema immunitario indebolito.

epidemia dimenticata frutti di bosco epatite 178981673
Le infezioni causate da norovirus si manifestano
soprattutto in contesti comunitari

Già nel 2012 un lotto di fragole surgelate cinesi, utilizzate nei dessert, provocò l’intossicazione di 11.000 bambini e giovani delle scuole di varie città tedesche. Nelle scuole in cui le fragole erano state regolarmente cotte, non si era verificato alcun caso di gastroenterite.

Come ricorda l’Istituto Superiore di Sanità, i norovirus sono stati isolati e scoperti nel 1972 e rappresentano uno tra gli agenti più diffusi di gastroenteriti acute di origine non batterica, costituendo così un serio problema nel campo della sicurezza alimentare. Le infezioni causate da norovirus si manifestano soprattutto in contesti comunitari, negli ospedali, nelle case di riposo, nelle scuole o, tipicamente, in ambienti confinati, come le navi da commercio e da crociera.

Fonte: IlFattoAlimentare

Condividi suShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Tweet about this on Twitter

0 Comments


E tu cosa ne pensi?

La tua email non sarà pubblicata

Lascia una risposta

© 2017 SQ Più S.r.l. - Tutti i diritti riservati - Partita IVA 03977450968 - Accreditamento per la formazione - Regione Lombardia n. 830 - Cookie Policy