Uova contaminate con insetticida In Italia trovati campioni positivi

Uova contaminate con insetticida In Italia trovati campioni positivi-0

Uova contaminate con insetticida In Italia trovati campioni positivi

Primi risultati dei controlli per verificare contaminazioni da fipronil: i campioni trovati in piccoli stabilimenti di Marche, Lazio e Lombardia. Il Ministero della Salute: «Nessun rischio di tossicità acuta». Coldiretti: «Pubblicare suito l’elenco dei prodotti coinvolti»

Lo scandalo delle uova contaminate con il fipronil, insetticida il cui uso è vietato negli animali destinati alla catena alimentare e ritenuto «moderatamente tossico» per l’uomo, arriva anche in Italia. Tra le centinaia di prodotti sottoposti a controlli (uova, prodotti derivati e alimenti che li contengono), due sono risultati positivi. Il Ministero della Salute rende noto appunto che «sono state rilevate due positività», precisando che è stata fatta «conseguente segnalazione alle Regioni e Asl competenti per ulteriori accertamenti sulla fonte di contaminazione e l’adozione di eventuali provvedimenti restrittivi». I campioni sono stati trovati in un centro di imballaggio di uova nelle Marche e in un laboratorio artigianale di pasta all’uovo nel Lazio, entrambi piccoli stabilimenti, come ha spiegato Giuseppe Ruocco, a capo della Direzione generale per l’Igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione del Ministero della Salute. «Pur superando il valore limite, la presenza di fipronil è molto sotto la soglia di tossicità acuta», ha detto Ruocco, escludendo quindi conseguenze per la salute umana. In Lombardia intanto è stata sequestrata una partita di omelette surgelate poste , in seguito ai controlli effettuati dall’Ats Città Metropolitana di Milano, in collaborazione con i Carabinieri del Nas.

«La sostanza non si accumula»
Premesso che si tratta di una sostanza che non deve essere presente negli alimenti, il dirigente del Ministero ha rassicurato sul fatto che non si accumula, perché viene eliminata» dall’organismo. Ruocco ha aggiunto che «sono stati ritirati i lotti in cui sono stati trovati i campioni risultati positivi, e sono in corso accertamenti per risalire all’origine della catena della contaminazione». Se nello stabilimento di confezionamento nelle Marche il campione trovato era di uova in guscio, nel laboratorio di pasta artigianale il campione risultato positivo era di ovoprodotti, cioè uova pastorizzate destinate alla preparazione di altri prodotti alimentari. Per quanto riguarda la Lombardia, l’assessore al Welfare di Regione Lombardia, Giulio Gallera, fa sapere che «la partita di “Atsuyaki Tamago”, questo il nome del prodotto distribuito dall’azienda tedesca Kagerr, distribuito in Italia da International Trade Group , – spiega l’assessore – riguarda 127 confezioni, (che riportano la data di scadenza al 16 febbraio 2018), di cui, dal 29 giugno scorso, 117 sono già state distribuite al consumatore finale. È gia stato dato l’ordine, come da normativa vigente, di esporre i cartelli all’interno dell’esercizio commerciale, per informare gli utenti e provvedere all’eventuale ritiro, qualora il prodotto non sia stato ancora consumato». Il direttore generale del ministero della Salute, Giuseppe Ruocco, ha precisato che si tratta di una delle sei segnalazioni di prodotti confezionati all’estero e commercializzati in Italia, ricevute dal dicastero stesso. Tra le persone cresce la preoccupazione. «Chiediamo di conoscere l’origine delle uova – afferma Agostino Macrì, responsabile dell’Area sicurezza alimentare dell’Unione Nazionale Consumatori -. Sarebbe importante sapere se le uova erano di importazione o nazionali, perché in quest’ultimo caso vorrebbe dire che il problema potrebbe non riguardare solo gli allevamenti esteri».

«Pubblicare elenco dei prodotti coinvolti»
Fare i nomi delle aziende, pubblicare subito l’elenco dei prodotti coinvolti e togliere il segreto sulla destinazione finale di tutti gli alimenti importati, rendendo noti i flussi commerciali delle materie prime provenienti dall’estero. È quanto chiede il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo dal Meeting di Rimini, commentando l’annuncio del Ministero della Salute sui due campioni di uova risultati positivi al fipronil. «Di fronte alle emergenze sanitarie provenienti dall’estero che si ripetono nell’alimentare, occorre intervenire subito con la trasparenza dell’informazione per evitare allarmismi che danneggiano imprese e consumatori» precisa Moncalvo. La Coldiretti sottolinea che lo «scandalo delle uova contaminate con l’insetticida e commercializzate in Europa riguarda esclusivamente quelle importate dall’estero» e ricorda che le uova italiane possono essere riconosciute poiché è presente l’indicazione di origine su ogni guscio, «anche se – secondo Coldiretti – è necessario migliorarne la visibilità scrivendo chiaramente per esteso, anche sulle confezioni e sui cartoni, da dove arrivano».

Come riconoscere le uova
Sul guscio delle uova di gallina, ricorda la Confederazione dei coltivatori diretti, c’è un codice che con il primo numero consente di risalire al tipo di allevamento (0 per biologico, 1 all’aperto, 2 a terra, 3 nelle gabbie), la seconda sigla indica il Paese d’origine (es. IT), seguono le indicazioni relative al codice Istat del Comune, alla sigla della Provincia e, infine il codice distintivo dell’allevatore. La produzione italiana di 12,9 miliardi di uova, prodotte da 41,6 milioni di galline in 1.600 allevamenti, «è sicura e in grado di soddisfare praticamente l’intero fabbisogno nazionale – spiega Coldiretti -, ma nonostante questo l’Italia ha importato dall’Olanda 610mila chili di uova in guscio di gallina nei primi cinque mesi del 2017 ai quali si aggiungono 648mila chili di derivati, mentre non sono quantificabili gli alimenti venduti come paste e dolci realizzati con le uova a rischio».

La situazione in Europa
Dai primi giorni di agosto in tutta Europa prosegue il monitoraggio su uova, prodotti derivati e alimenti che li contengono. In Italia, ad oggi, sono stati fatti circa 280 campionamenti su prodotti trasformati contenenti uova o derivati, prelevati nei negozi e supermercati da parte dei carabinieri del Nas, delle Regioni e del Ministero della Salute. In Francia 17 tipi di gaufres (cialde), di origine olandese e in buona parte vendute con marchi della grande distribuzione, sono state ritirate dal mercato, insieme ad altri prodotti. Oltralpe sono risultati coinvolti nello scandalo 14 imprese di trasformazione e 40 grossisti, tutti importatori di uova e ovo-prodotti da Belgio e Olanda, Paese quest’ultimo da cui è partito lo scandalo. Inoltre il Ministero dell’Agricoltura francese sta pubblicando i nomi degli alimenti sequestrati, così come chiesto in Italia dalla Coldiretti. Gli elenchi sono due: uno comprende i prodotti con una concentrazione di fipronil superiore al valore limite, ma che non costituiscono un rischio immediato per la salute; l’altro elenco include i prodotti in cui il livello di insetticida è talmente alto da porre rischi immediati per la salute. Ad oggi, comunica il Ministero, nessun caso di questo tipo è stato registrato in Francia.

Germania, Ungheria e Spagna
In Germania è guerra di cifre: secondo alcuni media locali le uova potenzialmente contaminate sarebbero oltre 28 milioni nella sola regione della Bassa Sassonia, al confine con l’Olanda. Il ministro dell’Agricoltura della regione, il Verde Christian Meyer, ha rilanciato parlando di oltre 35 milioni di pezzi. Ma per il governo tedesco 10,7 milioni resta la stima ufficiale dei casi di uova effettivamente contaminate. In Olanda i giudici hanno confermato l’arresto per i due manager della società Chickfriend, sospettati di essere all’origine del caso. In Ungheria è scattato il sequestro di una partita di ovoprodotti surgelati destinata al circuito della ristorazione. Stessa misura è stata presa dalle autorità spagnole. Nessuna traccia di fipronil invece nelle carni delle galline in Belgio, secondo l’Agenzia per la sicurezza alimentare Afsca.

L’insetticida tossico
Il fipronil (o fluocianobenpirazolo) è un insetticida comunemente usato contro pulci, acari e zecche negli animali da compagnia, ma è vietato in animali destinati alla catena alimentare, come appunto i polli. Risulta altamente tossico per topi, api, conigli e alcune specie di uccelli. L’Organizzazione Mondiale della Sanità lo considera «moderatamente tossico» per l’uomo. L’esposizione all’insetticida può dare nausea, vomito, dolore addominale e crisi epilettiche. Se consumato in grandi quantità può causare danni ai reni, al fegato e alla tiroide. E lo scandalo non si fermerà solo alle uova. «Si teme che le uova al fipronil possano rimanere a lungo nella catena alimentare, dopo essere finiti in prodotti trasformati come torte, paste, pane» ha detto Christian Meyer, ministro della Sanità della Bassa Sassonia. La contaminazione è infatti stabile, ciò significa che la tossicità non viene distrutta dal calore. Gli esperti sono però concordi che i rischi per la salute sono molto bassi, perché gli effetti da intossicazione si verificano solo nel caso di esposizioni ad alte dosi. I sintomi sono reversibili, una volta terminata l’esposizione. La sostanza si assorbe lentamente attraverso l’intestino. Non è noto un antidoto specifico.

Fonte: Corriere

Condividi suShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Tweet about this on Twitter

0 Comments


E tu cosa ne pensi?

La tua email non sarà pubblicata

Lascia una risposta

© 2017 SQ Più S.r.l. - Tutti i diritti riservati - Partita IVA 03977450968 - Accreditamento per la formazione - Regione Lombardia n. 830 - Cookie Policy